Recensioni

Il ritorno di J-Ax è reale… In tutti i sensi

Al culmine di una carriera che va ormai avanti da quasi 30 anni, Ax ritorna sulle scene con un disco che raccoglie un ampio ventaglio di temi e suoni, quasi a voler creare una sorta di sunto della sua longeva attività. Infatti, in ReAle, titolo piuttosto esplicativo per il gioco di parole dalla facile intuizione, il “vecchietto” della scena rap italiana passa con grande facilità dal confessare i suoi peccati e le sue paure al toccare temi quali i pregiudizi di genere, la violenza sulle donne ed il razzismo, il tutto contornato da una serie di brani nel quale Ax sembra portare indietro le lancette fino ai tempi degli Articolo 31. Dal punto di vista delle sonorità, invece, già l’ampia gamma di produttori impegnati nella realizzazione del disco, così come l’alto numero di collaborazioni con artisti provenienti dai background più diversi, mostra la volontà da parte di J-Ax di arricchire delle liriche di ottimo livello con il giusto contorno musicale. Nel complesso, sembra che l’essersi liberato (per così dire) dell’ingombrante figura di Fedez abbia dato nuova linfa vitale all’artista milanese, che a 48 anni non da l’impressione d’aver voglia di appendere il microfono al chiodo, nonostante lo stress, le disavventure e tutte le nuove responsabilità portate dalla nascita del figlio; 18 tracce non sono certo poche, soprattutto se si tiene conto di quanta acqua sia passata sotto i ponti di casa J-Ax.

Christian Settecerze | LEGGI SU QUBE MUSIC